Quantcast

Brescia, si era inventato una rapina subita: imprenditore patteggia

Un anno e mezzo la pena concordata per l'uomo che aveva denunciato una rapina da parte di due sinti italiani.

(red.) Nelle ore precedenti a sabato 17 aprile un imprenditore di 64 anni ha patteggiato un anno e mezzo di reclusione per aver denunciato una rapina, di cui si è poi scoperto essere stata solo simulata.

L’uomo nel 2019 aveva denunciato di essere stato rapinato con una pistola vedendosi rubare l’orologio, computer e 6 mila euro per opera di due sinti italiani di 19 e 26 anni e con i quali si sarebbe interfacciato mentre stava vendendo la propria auto.

I due vennero poi arrestati, ma in seguito scarcerati riuscendo a far capire che in realtà era stata tutta un’invenzione dell’imprenditore. Finito a sua volta sotto indagine, ieri ha patteggiato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.