Quantcast

Processo Bozzoli, la vedova: “Penso sia stato Giacomo ad ucciderlo”

Ieri in aula anche Irene Zubani. Carabinieri: imputato aveva diverse utenze e cancellato contenuto del pc.

(red.) “Penso che sia stato mio nipote Giacomo ad uccidere mio marito Mario”. Queste sono le parole che ieri, martedì 30 marzo, Irene Zubani, vedova di Mario Bozzoli, ha pronunciato davanti al giudice Roberto Spanò in Corte d’Assise nel corso della nuova udienza del processo per la scomparsa  – morte per gli inquirenti – dell’imprenditore di Marcheno. E durante quelle ore in tribunale, è anche emerso che Giacomo Bozzoli, l’unico imputato, aveva diverse utenze telefoniche e, il giorno della scomparsa dello zio, anche cancellato il contenuto del proprio computer.

Sono tutti elementi affrontati proprio nell’udienza di ieri nell’ambito del procedimento che sta andando avanti a carico del nipote di Mario, accusato di aver ucciso lo zio e di essersi disfatto del cadavere spostandolo dalla fonderia di Marcheno quell’8 ottobre del 2015. E la vedova di Mario Bozzoli, che in aula ha parlato anche dei presunti dissidi a livello lavorativo nella gestione dell’azienda, ha sostenuto di aver pensato che il nipote Giacomo fosse coinvolto “quando ho visto nelle telecamere dell’azienda la macchina che entrava e usciva. Non ho mai fatto il nome di Giacomo, ma ho detto che c’erano problemi sul lavoro e ho pensato subito a Giacomo, non ad altri”.

La stessa donna ha anche confermato il fatto che uno degli operai della fabbrica – a sua volta aveva confermato ai carabinieri – avrebbe ricevuto la proposta di uccidere Mario in cambio di denaro. E a proposito del materiale informatico, come detto, i carabinieri del Ros che hanno indagato in quel periodo e chiamati a testimoniare hanno rivelato che Giacomo Bozzoli aveva inizialmente memorizzato il contatto dello zio sul proprio cellulare con “Merda” e che aveva altre utenze telefoniche, di cui tre a pakistani e a un amico di Lumezzane. Infine, quell’8 ottobre del 2015 l’imputato avrebbe usato un’applicazione sul computer per cancellare il contenuto. Si sta approfondendo se ci fossero elementi riconducibili alla nuova fonderia che si stava aprendo a Calcinato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.