Castrezzato, investe (e uccide) anziano e non si ferma: condannato

L'incidente avvenne a Castrezzato all'inizio del 2018. 2 anni e otto mesi in primo grado per l'unico imputato.

(red.) Il tribunale di Brescia ha condannato, nelle ore precedenti a giovedì 18 marzo, a 2 anni e otto mesi di reclusione un uomo di 42 anni di Castrezzato accusato di omicidio stradale e omissione di soccorso dopo aver investito il 77enne Vittorio Danesi. Era il 7 gennaio del 2018 quando l’anziano, in paese, era appena uscito dalla chiesa dopo la messa e venne travolto dal 42enne in auto. Ma questo non si era fermato proseguendo la corsa, salvo poi essere bloccato in seguito.

Il pedone venne soccorso dai mezzi e trasportato alla Poliambulanza di Brescia, ma il 13 gennaio era sopraggiunto il decesso. Per quei fatti l’accusa aveva indagato diverse persone, anche il personale medico e sanitario dell’ospedale reo inizialmente di non aver fatto il possibile per evitare la morte dell’anziano. Ma in seguito tutte le loro posizioni erano state archiviate.

L’unico finito a giudizio è stato il 42enne che ha incassato la sentenza di condanna in primo grado, con pena decisamente inferiore rispetto agli otto anni che l’accusa aveva chiesto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.