Ronde illecite a Brescia, 7 dei Brixia Blue Boys vanno a processo

Nell'ottobre del 2019 erano finiti nei guai: in sede divise non autorizzate, manganelli e spray urticanti.

(red.) Era la seconda metà di ottobre del 2019 quando la questura di Brescia aveva fatto finire nei guai alcuni membri del gruppo Brixia Blue Boys dopo aver trovato, nella loro sede, divise non autorizzate e simili a quelle delle forze dell’ordine, ma anche manganelli e spray urticanti. Vere e proprie ronde che, secondo la procura di Brescia, si muovevano sul territorio svolgendo controlli che sarebbero delle forze dell’ordine.

Sette componenti, già indagati, sono stati ora rinviati a giudizio. E dal 13 aprile saranno alla sbarra. Il gruppo, come missione, si prefigge di aiutare i poveri e i bisognosi, ma per la procura c’era anche altro. Uno di Lecco, uno originario di Ascoli, un napoletano e quattro bresciani, con orientamenti da estrema destra, si preparano a essere giudicati in tribunale a Brescia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.