Bozzoli, iniziata a Brescia udienza preliminare per il nipote Giacomo

Stamattina al via in aula in tribunale, ma senza l'unico imputato. Legali puntano al non luogo a procedere.

(red.) Questa mattina, lunedì 16 novembre, al tribunale di Brescia è iniziata l’udienza preliminare a carico dell’unico imputato Giacomo Bozzoli, nipote dell’imprenditore Mario scomparso l’8 ottobre del 2015 dalla fonderia di Marcheno. Giacomo Bozzoli, che non è presente all’udienza, è accusato di omicidio volontario nei confronti dello zio.

Nell’aula di tribunale sono invece presenti il padre dell’imputato, Adelio – fratello di Mario – estraneo al caso, oltre alla moglie e ai figli dell’imprenditore scomparso. I legali dell’imputato cercheranno di chiedere di non procedere nei confronti dell’assistito, ma in caso di rinvio a giudizio potrebbero avanzare la richiesta del dibattimento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.