Bacio a una 13enne, chiesti oltre 3 anni di reclusione

I fatti si riferiscono al 2014. L'accusa valuta atti sessuali con minore e ora chiede la pena per un 29enne.

(red.) Nella giornata di ieri, giovedì 23 gennaio, in tribunale a Brescia si è svolta un’altra udienza nell’ambito di un processo che vede imputato un ragazzo per atti sessuali con una minorenne. Nella fattispecie, si tratta di un bacio che l’uomo, all’epoca dei fatti 23enne nel 2014, aveva dato a una ragazzina di 13 anni in un parco giochi di un paese del Sebino. Ma secondo la giovanissima lui sarebbe andato oltre quel bacio, mentre al contrario l’imputato ha confermato solo quel gesto.

Tra l’altro, nei confronti di una giovane che non avrebbe mai rivelato la sua età se non al momento di un compleanno quando aveva invitato anche il ragazzo. Nella prima occasione la giovane gli aveva detto di avere 16 anni, ma solo in seguito si era scoperta la verità. E per timore di quella relazione con una ragazza così giovane, l’imputato si era legato con un’altra sua coetanea.

A quel punto la 13enne aveva messo in mezzo anche la propria famiglia per lo scarso rendimento che aveva a scuola. Infine, si era arrivati persino alle mani per risolvere la situazione. A distanza di quegli anni, la denuncia a carico dello studente e lavoratore è approdata al processo e ieri il pubblico ministero ha chiesto per l’uomo una condanna a 3 anni e sei mesi di reclusione. La sentenza è attesa il 4 febbraio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.