Terrorismo, 25enne condannato ma torna in libertà

Yasin Khan ha finito di scontare il poco più di un anno di reclusione deciso poco fa dal tribunale di Brescia.

(red.) La sentenza per lui è arrivata proprio nel momento in cui ha chiuso il suo periodo di detenzione nel carcere di Sassari. Nelle ore intorno a martedì 24 dicembre il tribunale di Brescia ha condannato a 1 anno e poco più di tre mesi di reclusione per terrorismo Yasin Khan. Si tratta del 25enne bengalese richiedente asilo che venne arrestato in un centro d’accoglienza a Montichiari.

Al momento della perquisizione, aveva con sé un documento d’identità falso ed era anche accusato di aver fatto proselitismo all’Isis tramite il web, partendo già dalla Libia dove era sotto indagine. Dopo l’arresto era stato condotto nel carcere sardo e ora per lui, nonostante la condanna, è arrivato il ritorno alla libertà. Ma sarà espulso dall’Italia alla luce del decreto di allontanamento già firmato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.