Scomparsa Souad, procura chiede ergastolo per El Biti

Secondo il magistrato, il marito avrebbe organizzato il piano per uccidere e disfarsi del cadavere della donna.

(red.) Nella giornata di oggi, venerdì 6 dicembre, dal tribunale di Brescia è attesa la sentenza del processo di primo grado a carico di Abdelmjid El Bito, l’uomo che avrebbe ucciso e fatto sparire il cadavere della moglie Souad Alloumi. Questa mattina al palazzo di giustizia è iniziata l’ultima udienza e, come dà notizia il Giornale di Brescia, la procura ha chiesto una condanna all’ergastolo per El Biti. Souad Alloumi, 28enne marocchina, è scomparsa nella notte tra il 3 e il 4 giugno del 2018 dalla casa di via Milano a Brescia e doveva viveva con i figli.

La ricostruzione della procura indica come il marito l’abbia uccisa per poi disfarsi del cadavere nascosto in un borsone e abbandonato chissà dove. Sempre secondo il magistrato, quello non sarebbe stato un raptus, ma un piano organizzato in ogni elemento, dal borsone usato per il corpo agli abiti per cambiarsi e altri accessori per non farsi scoprire. Ma la telecamera del bar accanto all’abitazione aveva immortalato l’uomo in quegli intenti così sospetti. Ora si attende la sentenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.