Capriano, pascolo ovini tra i rifiuti: processo per due

Accusati di aver aperto un allevamento di pecore su un terreno sotto il quale c'erano 450 metri cubi di rifiuti pericolosi tra pneumatici e prodotti sanitari.

(red.) Ieri, venerdì 15 novembre, al tribunale di Brescia è iniziato il processo a carico di due imputati accusati di aver sotterrato centinaia di metri cubi di rifiuti pericolosi sotto un terreno che poi avevano usato a Capriano del Colle, nella bassa, per aprire un allevamento di ovini. E l’accusa è proprio quella di discarica abusiva allestita nella frazione di Cascina Movico. I 450 metri cubi di materiali tra pneumatici e prodotti veterinari erano stati scoperti nel 2017 dopo un esposto presentato alla procura dal proprietario del terreno e zio di uno dei due soci che poi ha lasciato l’azienda.

Non ci sono stati problemi alla falda acquifera come ha rilevato l’Arpa, ma secondo l’accusa i due imputati Davide Garavelli e Filippo Spazzini che nel 2015 avevano aperto l’azienda sul terreno avuto in affitto sapevano che al di sotto ci fossero rifiuti. Ed era stato il proprietario del campo la scorsa estate, dopo aver notato un camion carico di terra, a rivolgersi alla Polizia Locale e alla procura.

L’indagine aveva quindi fatto scoprire il carico di rifiuti, in realtà già noto ai tempi di un incendio che ha portato a porre i sigilli per qualche mese e ad aprire un altro processo in corso. In seguito, con la presunta bonifica mai fatta, l’area era stata dissequestrata. Il processo verso i due è stato aggiornato al 14 febbraio 2020 quando saranno sentiti come testimoni il conducente di uno dei camion e la madre di uno degli imputati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.