Molesta due giovani in stazione, è imputabile

24enne senegalese a luglio aveva tentato di abusare di due ragazze che stavano tornando a casa di sera dopo essere state a Milano. Non ha disturbi psichici.

(red.) Era capace di intendere e volere al momento del fatto ed è tuttora in grado di subire un processo penale. Lo ha stabilito uno psichiatra incaricato dal tribunale di Brescia nei confronti di un 24enne senegalese che si era reso protagonista in negativo lo scorso luglio. Infatti, in tarda serata due ragazze appena arrivate alla stazione ferroviaria e provenendo da Milano per poi raggiungere le proprie case erano state avvicinate dall’africano che aveva cercato di violentarle. Con fatica le due erano poi riuscite a destare l’attenzione di qualche automobilista facendo arrestare l’uomo.

Dopo quell’episodio il 24enne venne portato in carcere dove aveva tentato di suicidarsi e facendo sostenere all’avvocato d’ufficio che potesse non essere in grado di essere processato e avesse disturbi. Invece, il professionista ha sottolineato che il giovane era pienamente cosciente e che il tentativo di togliersi la vita dietro le sbarre era avvenuto per difficoltà di adattarsi al carcere. A questo punto la procura potrà richiedere il rinvio a giudizio del 24enne, che tra l’altro ha qualche precedente e non ha mai rispettato un decreto di espulsione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.