Quantcast

Abusi sulla figlia, Cassazione conferma: 9 anni

Violenza sessuale iniziata in Moldavia e proseguita nel bresciano per diversi anni. La vittima ha avuto la forza di raccontare tutto incastrando il padre.

Più informazioni su

(red.) Nelle ore precedenti a mercoledì 23 ottobre un uomo di 49 anni si è visto confermare dalla Cassazione una condanna a 9 anni di reclusione per violenza sessuale sulla figlia al tempo in cui questa era minorenne. La pena era arrivata in primo grado e ribadita anche in Appello e ora, con il rigetto del ricorso dell’imputato, è diventata definitiva. A questo punto per l’uomo, che non è mai stato arrestato, potrebbe arrivare il carcere. La giovane moldava, ora maggiorenne, ha raccontato di aver subito i primi abusi quando aveva solo 7 anni ed era con la famiglia in Moldavia.

Poi si erano tutti trasferiti nel bresciano tra il lago di Garda e la Valsabbia dove le violenze, nonostante nessuno si fosse accorto di nulla, sarebbero andate avanti. La situazione sarebbe proseguita fino al 2014 quando la ragazza è scappata di casa andando a vivere dal fidanzato. E ha così trovato la forza e il coraggio di denunciare tutto a un consultorio familiare e ai carabinieri.

Ha raccontato che durante le notti il padre si sarebbe infilato nel suo letto in camera per poi violentarla. Subito dopo era stata informata la procura di Brescia portando al processo e ai tre gradi di giudizio. L’uomo si era sempre detto innocente e giustificando il fatto di essere impotente a causa di un infortunio sul lavoro. Ma i giudici non gli hanno creduto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.