Sono in carcere, sorvegliati quando usciranno

Uno ha truffato anziani e l'altro ha commesso fatto criminale. A loro notificata la sorveglianza speciale decisa dal tribunale per quando saranno scarcerati.

(red.) Sono entrambi in carcere a Brescia per aver commesso reati diversi l’uno dall’altro, ma al momento in cui usciranno dall’istituto di pena saranno sottoposti al regime di sorveglianza speciale. La misura emessa dal tribunale di Brescia è stata notificata loro dalla Divisione Anticrimine della questura di Brescia nei giorni precedenti a sabato 12 ottobre.

In un caso si tratta di un decreto di sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per due anni a carico di un uomo che in passato aveva commesso truffe agli anziani. L’altro prevede l’obbligo di soggiorno per quattro anni a carico di un uomo che nei mesi scorsi aveva messo in atto un fatto atto criminale. Essendo soggetti ritenuti pericolosi nel momento in cui usciranno dal carcere, saranno sottoposti alla sorveglianza speciale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.