Droga a Canton Mombello, assolti agente e detenuto

Ieri la sentenza letta dal giudice del tribunale di Brescia. Tutto era partito da un'auto venduta da un carcerato a un secondino senza trattare il prezzo.

Più informazioni su

(red.) Nella giornata di ieri, giovedì 4 luglio, al tribunale di Brescia il giudice ha assolto un agente di polizia penitenziaria e un detenuto dalle accuse di aver portato droga all’interno del carcere di Canton Mombello. Al contrario, l’accusa aveva chiesto 1 anno di reclusione per l’agente e 1 anno e quattro mesi per l’altro.

Fanno parte di un’indagine più larga condotta dal sostituto procuratore di Brescia Ambrogio Cassiani e che aveva portato altri due imputati a patteggiare la pena. Erano stati i colleghi delle forze dell’ordine all’interno del carcere a far partire l’inchiesta, iniziata con un’auto venduta da un detenuto a un poliziotto e senza ricevere il prezzo trattato.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.