Stamina, a Torino appello per quattro medici bresciani

Stamattina si apre il processo di secondo grado a carico di Porta, Lanfranchi, Terraroli e Derelli. Imputati per somministrazione di farmaci imperfetti.

(red.) Questa mattina, venerdì 12 aprile, al palazzo di giustizia di Torino si è aperto il processo d’appello nei confronti di quattro medici operativi all’ospedale Civile di Brescia e che sarebbero interessati dalla vicenda Stamina. Sono Fulvio Porta, la responsabile dei laboratori di cellule staminali Armanda Lanfranchi, l’ex segretaria del Comitato etico Carmen Terraroli e l’ex direttrice amministrativa del Civile Ermanna Derelli.

Porta e Lanfranchi, che sono ancora dipendenti del massimo ospedale bresciano, insieme agli altri due sono imputati per somministrazione di farmaci imperfetti. Appunto quelli collegati a Stamina di Vannoni e Andolina che, accusati anche loro, hanno poi scelto il rito abbreviato o il patteggiamento. Assolti in primo grado dalle accuse di truffa ai danni del servizio sanitario nazionale e associazione a delinquere, devono invece rispondere in appello dell’ultimo capo d’accusa per il quale in primo grado vennero condannati a 2 anni di reclusione con pena sospesa. La sentenza potrebbe arrivare già entro la giornata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.