Paratico, ubriaco investì coppie: messo alla prova

Il 24enne Nicola Tengattini ieri in tribunale si è visto concedere la misura a partire dal prossimo aprile. A luglio 2017 aveva travolto quattro persone.

Più informazioni su

(red.) Ieri, giovedì 4 ottobre al tribunale di Brescia, si è svolta un’udienza a carico del 24enne Nicola Tengattini che il 9 luglio del 2017 aveva provocato un drammatico incidente stradale, investendo due coppie di amici a Paratico, nel bresciano. Nel corso della giornata al palazzo di giustizia, infatti, assistito dal proprio avvocato, il 24enne ha chiesto e ottenuto la messa in prova a partire da aprile del 2019. Il giovane, residente proprio a Paratico, quella sera stava guidando la sua Jeep Renegade nella stretta via Moioli e anche dopo aver alzato troppo il gomito. Così aveva prima colpito un paletto e poi, non riuscendo più a controllare il veicolo, era finito contro le due coppie, sbalzando due di loro – una 33enne e un 28enne – a diversi metri di distanza e dopo aver assistito a un festival musicale che era in corso.

I due feriti avevano avuto bisogno dei soccorsi, entrambi operati in ospedale alla milza e per ridurre varie fratture. Subito dopo l’incidente, il 24enne era fuggito, ma la Polizia Stradale era riuscita a intercettarlo attraverso le immagini riprese dalle telecamere. Arrestato, è stato portato a processo per lesioni gravissime e ieri, in rito abbreviato, il giudice delle udienze preliminari Alessandra Fazio ha accolto la richiesta di messa alla prova il cui programma sarà presentato proprio in primavera.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.