Metrobus, Regione-Loggia si decide a maggio

Il Consiglio di Stato ha rinviato la trattazione del ricorso del Pirellone contro la sentenza del Tar. Che aveva dato ragione a Brescia sui contributi al km.

(red.) Si torna a parlare del contenzioso giudiziario tra il Comune di Brescia e la Regione Lombardia per la mancata distribuzione dei fondi alla metropolitana bresciana. Alla Loggia, infatti, spetterebbero 17,5 milioni di euro come contributo chilometrico, ma dal Pirellone non è mai arrivato nulla. Tanto che il Comune ha deciso di mandare in tribunale la Regione. Prima si era rivolto al Tar che gli ha dato ragione.

In pratica, via Zima aveva certificato che il Pirellone avrebbe dovuto dare i contributi al metrobus. Ma la stessa Regione aveva impugnato la sentenza al Consiglio di Stato. Giovedì 6 aprile Palazzo Spada si è riunito per esprimersi, ma dando solo l’annuncio del rinvio della trattazione al 25 maggio.

Quindi, si dovranno aspettare poco meno di due mesi per vedere come verrà sbrogliata la matassa. Ma intanto il 20 aprile al Tar è fissata una conferenza, imposta dal tribunale alla Regione, in cui si dovrebbe determinare l’importo dei contributi. Anche se la Loggia critica il comportamento del Pirellone che ha annullato o rinviato alcune di queste riunioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.