Biglietti gonfiati, Brunello deve dare 800 mila euro

L'ex titolare di Artematica (aveva organizzato due grandi mostre a Brescia dal 2009 al 2011) dovrà risarcire palazzo Loggia. Processo penale a Treviso.

(red.) Si torna a parlare di Artematica, la società che dal 2009 al 2011, su disposizione del Comune di Brescia, aveva organizzato due grandi mostre al museo di Santa Giulia. Venerdì mattina 3 marzo, infatti, dal tribunale civile di Brescia è arrivata una condanna per Andrea Brunello, ex titolare di Artematica. Era imputato per aver dichiarato un numero di ingressi alle mostre decisamente maggiore rispetto ai tagliandi effettivamente staccati. Un modo per ottenere il bonus economico previsto dal contratto nel caso di superamento di alcune cifre.

Il tribunale ha stabilito che Brunello dovrà dare 800 mila euro alla Loggia. L’ex titolare di Artematica, però, è anche coinvolto in un procedimento penale per lo stesso motivo con Giuseppe Mazzadi della Fondazione Brescia Musei. L’udienza sarà il 13 marzo al tribunale di Treviso dove i due sono imputati per truffa. Dopo la sentenza di venerdì mattina, il sindaco Emilio Del Bono ha parlato di una “vicenda sgradevole e spiacevole. Spiace constatare che si chiuda con la conferma che queste risorse siano state illecitamente trasferite con un danno alla pubblica amministrazione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.