Quantcast

Pronto soccorso Civile, Tar sospende concorso

L'ospedale ha bandito gara per affidare l'incarico di primario. Ma la Federazione valuta illegittimo non inserire tutti i medici interessati in commissione.

(red.) Sospeso il concorso per affidare l’incarico quinquennale di primario al pronto soccorso dell’ospedale Civile di Brescia. Lo ha deciso venerdì 27 gennaio il Tar, accogliendo il ricorso presentato dalla Federazione Italiana Medicina di Emergenza Urgenza e Catastrofi. Le domande per partecipare al bando indetto dalla struttura sanitaria sono arrivate entro il 27 dicembre, giorno di scadenza.

Ma la Federazione contesta il fatto che all’interno della commissione chiamata a valutare le candidature ci sia solo il direttore sanitario e non anche i tre direttori dell’ambito medico, cioè di Medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza. Il tribunale amministrativo di Brescia si dice concorde con questa recriminazione e per questo motivo ha disposto la sospensione del concorso. Almeno fino al 6 luglio quando lo stesso Tar esaminerà nei dettagli il ricorso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.