Quantcast

Brescia, condannato piromane via Tosoni

1 anno e due mesi per Luca Perini, 22 anni. Era stato arrestato a marzo dopo essere colto a dare fuoco a un'auto. Si valutano altri episodi.

Più informazioni su

Tribunale(red.) Nell’udienza con rito abbreviato di martedì 3 maggio, al tribunale di Brescia, il giudice Roberto Spanò ha condannato a 1 anno e due mesi di reclusione Luca Perini, di 22 anni, per un incendio appiccato a un’auto in via Tosoni a Brescia. Il giovane venne arrestato nella notte tra il 10 e l’11 marzo quando i carabinieri, dopo vari appostamenti, lo avevano colto sul fatto. Il ragazzo, sentito dagli inquirenti, ha sempre detto di aver acceso quell’incendio senza un obiettivo preciso, ma per rabbia. In quel periodo i residenti erano terrorizzati dai numerosi episodi simili, dopo quanto successo anche in via Chiusure.
Spesso si dormiva tenendo un occhio aperto a quanto sarebbe potuto succedere durante quella notte. Le forze dell’ordine, allertate più volte dai cittadini, avevano avviato le indagini con controlli più marcati sulla zona e per cercare di scovare il piromane. Così si è arrivati alle manette e al processo di primo grado. Al 22enne è stata applicata la condanna solo per l’incendio della notte in cui era stato arrestato. Ma i carabinieri gli contestano tre episodi. Se sarà accertato che sia stato lui a commetterli, il giovane potrebbe scegliere la strada del patteggiamento.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.