Appello per Iacovone, non va in tribunale

Venerdì 6 novembre la prima udienza del processo di secondo grado contro l'uomo, che sta scontando l'ergastolo, accusato dell'omicidio dei figli.

Iacovone(red.) Venerdì 6 novembre il tribunale di Brescia ha ospitato la prima udienza del processo di secondo grado che vede imputato Pasquale Iacovone per il delitto commesso sui propri figli Davide e Andrea il 16 luglio del 2013 a Ono San Pietro, nel bresciano. Aveva ucciso nel sonno i due bambini e poi ha dato fuoco, cercando a sua volta di togliersi la vita con le fiamme. Dopo aver riportato varie ustioni sulla maggior parte del corpo, è sopravvissuto e in primo grado è stato condannato all’ergastolo che sta scontando al carcere milanese di Opera. All’esordio del processo d’appello si è aspettata a più riprese la presenza dell’uomo che, secondo il suo legale Gerardo Milani, avrebbe voluto rilasciare dichiarazioni spontanee.
L’udienza è stata più volte sospesa fino a mezzogiorno quando è arrivata la conferma che l’uomo non sarebbe arrivato per motivi di salute. Per questo motivo il presidente della Corte Enrico Fischetti ha aggiornato il processo a mercoledì 11 novembre, anche se solo per un’udienza tecnica. In quell’occasione verrà affidato a un legale il compito di stabilire se Iacovone sia in grado di spostarsi da Opera per raggiungere il tribunale di Brescia e sottoporsi al giudizio. Poi, riprenderà venerdì 13 quando verrà stabilita la capacità di intendere e volere dell’uomo in carcere per aver ucciso i due figli. In primo grado, la sentenza con rito abbreviato aveva confermato l’intenzione omicida di Iacovone, mentre il suo avvocato intende rispondere con istanze che verificherebbero in parte l’infermità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.