Quantcast

Bialetti, sì a piano e ristrutturazione: titolo vola in Borsa

L'azienda di Coccaglio ha definito le strategie per il 2020-2024: una nuova manovra finanziaria ed un nuovo accordo di ristrutturazione dei debiti.

Più informazioni su

(red.) Bialetti approva il nuovo piano industriale e l’accordo di ristrutturazione dei debiti e il titolo a Piazza Affari vola del 10,98% a quota 0,293 euro.

Per l’azienda di Coccaglio (Brescia) è stato approvato il nuovo piano industriale, economico e finanziario 2020-2024 del gruppo, in sostanziale continuità con il piano approvato nel corso dell’esercizio 2019, ma tenendo conto del mutato scenario macroeconomico.

Nel piano si evincono le linee strategiche della società: il gruppo punta all’espansione nel mercato del caffè in paesi ad alto potenziale come Usa, Germania, Francia, Cina, Russia, Canada e altri paesi dell’Europa centrale e occidentale; vuole razionalizzazione e ridurre il numero dei punti vendita; fare investimenti nel valorizzare il marchio “Bialetti”; espandersi sui mercati esteri e sul mercato digitale.

Nel piano industriale è prevista una crescita dei ricavi dai 153,7 milioni stimati per quest’anno a 166,9 milioni nel 2024. L’ebitda è visto anch’esso in aumento dai 17,2 milioni del 2021 a 24,2 milioni del 2024. Mentre l’utile è visto calare dai 6,9 milioni del 2021 ai 2,5 milioni nel 2024. E per quanto riguarda l’indebitamento finanziario netto è previsto in diminuzione dagli 88,7 milioni del 2021 ai 71,6 milioni del 2024.

Inoltre, l’azienda di Coccaglio (Brescia) ha varato una manovra finanziaria basata sul nuovo piano industriale e volta al risanamento dell’esposizione debitoria (circa 64 milioni di euro di debiti chirografari attualmente vantati dai creditori finanziari) e al riequilibrio della situazione patrimoniale, economica e finanziaria, grazie al nuovo sostegno da parte di illimity Bank e alla conferma del supporto da parte di Sculptor e Amco (è prevista la remissione, da parte di illimity e Amco, di crediti per circa 20 milioni, pari al 35% del debito chirografari).

bialetti azienda

In quest’ottica, è stato sottoscritto un nuovo accordo di ristrutturazione dei debiti (è atteso per i prossimi giorni il deposito del ricorso per l’omologazione al Tribunale di Brescia).

“Nonostante le migliori performance registrate, la sopravvenuta situazione di crisi connessa all’emergenza sanitaria da Covid-19, tuttora in corso, e la sua imprevedibile evoluzione hanno determinato l’impossibilità prospettica di adempiere alle obbligazioni di pagamento derivanti dalla manovra finanziaria attuata nel corso dell’esercizio 2019 e, in particolare, dall’accordo di ristrutturazione” siglato a febbraio 2019, si legge in una nota. Il nuovo accordo di ristrutturazione è l’elemento chiave per la realizzazione della nuova manovra finanziaria e l’attuazione del piano industriale.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.