Quantcast

Bcc Agrobresciano: utile netto di 4,4 milioni e una filiale nel cuore di Brescia

(red.) Stiamo vivendo da più di un anno una situazione assolutamente straordinaria, tanto complessa quanto inattesa, nella quale i cittadini e le imprese si sono trovati costretti ad affrontare grandi e difficili sfide. BCC Agrobresciano, nella volontà di non far venir meno il proprio sostegno al territorio, in coerenza con i valori che animano il suo operato da ben 124 anni, si è impegnata per riorganizzarsi e adattarsi tempestivamente ai cambiamenti economici e sociali conseguenti all’emergenza da Covid19, al fine di continuare a garantire l’abituale livello di servizio a Soci e Clienti.
Come dichiara il Direttore Generale Giuliano Pellegrini: “Ci siamo subito attivati a favore delle famiglie e delle imprese colpite dalla situazione pandemica, rendendo possibile e concreto l’accesso alle misure di sostegno previste dal Governo: abbiamo stanziato un plafond di 10 milioni di euro per i finanziamenti agevolati, incrementato poi a 20 milioni, per ricomprendere anche il finanziamento delle imprese per l’anticipo CIG. Abbiamo inoltre predisposto il plafond di 20 milioni di euro, a favore di privati, per i finanziamenti in tema di Eco e Sisma Bonus, previsti dal Decreto “Rilancio”. Stiamo ora gestendo le richieste di acquisto dei crediti d’imposta derivanti dal ricorso ai bonus da parte dei nostri Clienti, per facilitare l’accesso a queste opportunità e rivitalizzare l’attività di professionisti e imprese, operanti nei settori edilizio ed energetico. Auspicando di dare anche un contributo virtuoso alla tutela ambientale e al decoro del nostro Territorio. Inoltre, nel 2020, ci siamo preoccupati di sospendere i pagamenti dei mutui per un importo pari a quasi 159 milioni di euro, corrispondenti a circa il 27% dei crediti e a poco meno del 30% dei mutui in essere. Abbiamo inoltre previsto nuove erogazioni per più di 67 milioni di euro. Sforzi importanti che hanno confermato la capacità di BCC Agrobresciano di adattarsi repentinamente alla situazione di emergenza, nella volontà di continuare a essere un riferimento solido e affidabile per il proprio territorio”.
Solidità e affidabilità che trovano conferma anche nei dati di bilancio dell’esercizio 2020. In particolare si evidenzia una soddisfacente crescita della raccolta complessiva pari a 1.126 milioni di euro, segnando un +8,4% rispetto al 2019; e un aumento degli impieghi vivi, pari a quasi 565 milioni euro, con un incremento verso il 2019 del 3,84%. Sul fronte reddituale si evidenzia un utile netto di 4,4 milioni di euro, sostanzialmente in linea con l’utile dell’esercizio precedente.

 

La solidità patrimoniale di BCC Agrobresciano risulta ulteriormente rafforzata dalla copertura delle sofferenze che nel 2020 è pari al 72%, e dalla copertura delle inadempienze probabili oltre il 56%. Il credito anomalo lordo sul totale dei crediti è pari all’8,33% e in diminuzione di più di un punto percentuale rispetto allo scorso anno.
Il credito anomalo netto è pari al 3,31% sul totale dei crediti netti e in calo di più di mezzo punto percentuale rispetto al 2019. Infine i fondi propri corrispondono a 85,2 milioni di euro e il Total Capital Ratio è pari al 19,37 in crescita di più di 5 punti percentuali rispetto al 2019.

 

Un andamento positivo che trova inoltre conferma nella scelta, già annunciata dalla Banca, di aprire nel mese di maggio una nuova filiale in Piazza Duomo, nel cuore della città di Brescia, per garantire una maggiore vicinanza anche ai cittadini, per i quali è da poco “venuto meno” lo storico Istituto di Credito Ordinario coinvolto nella recente aggregazione. In occasione dell’apertura della nuova filiale inoltre BCC Agrobresciano attiverà per la città di Brescia, fino al 30 giugno, una promozione molto vantaggiosa per i nuovi clienti, ossia CONTO1: il conto corrente che prevede operazioni illimitate, incluse quelle allo sportello, a solo 1 euro al mese.
L’apertura di una filiale nel centro storico rinforza la presenza strategica sul territorio della Banca che ad oggi annovera ben 21 filiali. La convinzione è che: la promozione della cooperazione, dell’educazione al risparmio e alla previdenza, della coesione sociale e della crescita responsabile sul territorio, caposaldo dell’operato BCC Agrobresciano, sia oggi più che mai elemento distintivo e strategico per sostenere concretamente cittadini e imprese.

Come dichiara il Presidente del Consiglio di Amministrazione di BCC Agrobresciano, Osvaldo Scalvenzi: “La nostra forza è data dalla cooperazione, la natura di credito cooperativo che ci caratterizza è infatti l’elemento chiave per garantire ancora oggi un futuro sostenibile alle comunità e alle imprese locali. La vicinanza al territorio in cui operiamo è concreta, tutti i collaboratori di BCC Agrobresciano conoscono direttamente famiglie e imprenditori, e vivono con i Soci e i Clienti le singole realtà locali, contribuendo, anche in prima persona, allo sviluppo responsabile dell’economia della comunità a cui appartengono.
Siamo una Banca di persone per le persone in quanto il nostro impegno istituzionale, che si sviluppa sia in termini economico-finanziari sia sociali, trova partecipazione attiva anche nelle azioni e nelle scelte quotidiane di tutti gli uomini e le donne di BCC Agrobresciano. Prova di questa forza è la nostra compagine sociale che negli anni è costantemente cresciuta: oggi i soci sono ben 6.350. Certi inoltre che il futuro vada costruito unendo l’esperienza dei soci più anziani, alla visione e agli stimoli dei più giovani, tutti accumunati dai valori che ci caratte-rizzano, siamo una delle Banche ad avere in Consiglio di Amministrazione, anche giovanissimi rappresentanti. Reputo che solo insieme si possa costruire un futuro più solido”.
Sono inoltre in sviluppo nuove importanti iniziative dedicate ai Soci, volte a confermare la connotazione mutualistica e cooperativa della Banca; al tempo stesso gli sforzi finanziari di BCC Agrobresciano sono stati accompagnanti, anche nel 2020, da un virtuoso sostegno alla cultura e all’arte sul territorio, basti pensare a Librixia e C-Lab e ad altre iniziative sviluppate grazie a efficaci sinergie con il Comune di Brescia, la Confartigianato Imprese e l’Università di Brescia.  

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.