Quantcast

Con Btl un ciclo sull’educazione finanziaria dedicato agli studenti

Un programma di incontri online sul tema “Educazione civica e cittadinanza economica”. Prima lezione il prossimo 29 marzo sul tema “Economia e Sostenibilità”

Più informazioni su

(red.) Prenderà avvio da fine marzo il primo ciclo di incontri dedicati agli studenti delle scuole secondarie di II grado della provincia di Brescia sul tema dell’educazione finanziaria. Nei giorni scorsi è stato infatti inviato agli istituti scolastici superiori della provincia di Brescia il programma degli incontri online sul tema “Educazione civica e cittadinanza economica”.
Le lezioni – informa una nota –  sono parte del progetto di Educazione Finanziaria avviato da Btl Banca del Territorio Lombardo in collaborazione con Feduf – la Fondazione per l’Educazione finanziaria e al Risparmio costituita da Abi (Associazione Bancaria Italiana) per promuovere la cultura economica in Italia.
Gli eventi su piattaforma on line proporranno agli studenti una riflessione su temi quali economia civile e sostenibilità, nuove forme di moneta e pagamenti elettronici, capitale umano, gestione responsabile del denaro e imprenditorialità.

Il calendario di appuntamenti a cui le scuole interessate possono iscriversi gratuitamente (anche a un singolo evento) propone per il prossimo 29 marzo la lezione “Economia e Sostenibilità” – una occasione di riflessione e sensibilizzazione su temi di cittadinanza economica attiva e responsabile, valore del denaro e gestione del risparmio, nonché un approfondimento su modelli di sviluppo sostenibile e di economia civile.
Seguirà il 12 aprile la lezione “Capitale umano, gestione del risparmio e imprenditorialità” con una riflessione sui temi del capitale umano, del risparmio e del bilancio familiare e personale per arrivare al concetto di imprenditorialità e ingresso nel mondo del lavoro.
Il primo ciclo di incontri si concluderà il prossimo 19 aprile con “Pay like a ninja”, una lezione che intende condurre gli studenti alla scoperta delle nuove forme di moneta e pagamenti elettronici, dalle carte alle app ai portafogli elettronici, illustrando i processi collegati alla dematerializzazione del denaro e le innovative frontiere digitali del suo uso affinché ne siano consapevoli.

Le tematiche inerenti l’educazione finanziaria sono sempre più al centro dell’interesse delle istituzioni finanziarie e statali, e del mondo della scuola. L’impo rtanza di individuare percorsi e strumenti di educazione finanziaria da attuare fin dall’età scolare sta via via trovando riscontri in numerosi ambiti e studi che sottolineano – se mai ce ne fosse bisogno – il profondo legame tra cultura economica dei singoli e la correttezza delle loro decisioni finanziarie. Con tutte le implicazioni di carattere sociale ed economico che questo comporta in prospettiva sulle future scelte in tema di risparmio e previdenza di giovani e famiglie.

“E’ il primo passo di un progetto che mira creare un ponte, una relazione duratura tra il mondo della scuola e chi come noi si occupa ogni giorno di risparmio e finanza sul territorio – sottolinea il direttore generale di Btl Matteo De Maio – Riteniamo infatti che la connessione tra cultura e buone decisioni in tema di risparmio sia frutto di una relazione causa-effetto per cui vale la pena investire sul fronte educativo. Con l’avvio di questo progetto di educazione finanziaria e grazie alla partnership con FEduF vogliamo dare il nostro contributo alla crescita di una cultura finanziaria sul nostro territorio con particolare riguardo al mondo della scuola.
Per le scuole che fossero interessate ad aderire o conoscere il progetto di Educazione Finanziaria di Btl Banca è possibile contattare l’Ufficio Relazioni esterne e soci (tel. 030-9469247- relazioni.esterne@btlbanca.it).
Banca del Territorio Lombardo conta 71 filiali, 387 collaboratori e 7.700 soci cooperatori. Fa parte del Gruppo bancario Cooperativo Cassa Centrale Banca – Credito Cooperativo Italiano

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.