Quantcast

Feralpi e Bpm: un inventory loan per gli acciai speciali

La banca garantirà una linea di credito da 7 milioni di euro, riceverà in garanzia alcuni semilavorati del gruppo.

(red.) Un inventory loan (credito a medio termine per finanziare magazzino) applicato alla siderurgia per sostenere lo sviluppo aziendale, in particolare quello degli acciai ad alto valore aggiunto del Gruppo Feralpi. Il contratto di finanziamento revolving consente di porre a garanzia uno stock di semilavorati e prodotti siderurgici.
In tempi attuali in cui, anche a causa dell’emergenza Covid-19, proprio la liquidità alle imprese assume particolare rilevanza, ad aprire la strada a una via complementare rispetto alle normali linee e finanziamenti classici è la collaborazione tra il Gruppo Feralpi, realtà internazionale specializzata nella produzione di acciai per l’edilizia ed acciai di qualità, e Gruppo Banco BPM, terzo gruppo bancario in Italia, che hanno sottoscritto un inventory loan da 7 milioni di euro. Le risorse avvalorano di fatto il rafforzamento di Feralpi all’interno della business unit degli acciai speciali (in questo caso Caleotto SpA) su cui il Gruppo sta investendo per diversificare l’attività degli acciai per l’edilizia.

Lo sviluppo di questo strumento si è ispirato a modelli già operativi in altri settori (come food e multiutilities) in cui, a differenza di un magazzino siderurgico, i prodotti offerti sono a bassa rotazione.
Il risultato è stato raggiunto grazie ad una sinergia azienda-banca. La società ha proposto un modello mutuandolo proprio da esperienze in multiutility, mentre la banca, forte del know how acquisito dal Gruppo Banco BPM, si è messa a disposizione per definire un prodotto tarato sulle specifiche esigenze di Feralpi.
Sulla base di una reciproca fiducia e conoscenza, è stata strutturata e condivisa una garanzia che si sposa perfettamente con la caratteristica del magazzino ad elevata rotazione del settore siderurgico. In particolare, per Feralpi, sono oggetto dell’accordo billette e rotoli di vergella.

«Per Feralpi – spiega Giovanni Pasini, consigliere delegato di Feralpi Holding e presidente di Caleotto – questo loan è la conferma di quanto il Gruppo sia proteso alla differenziazione del business seguendo anche l’asse degli acciai speciali. Inoltre, riuscire a sviluppare nuovi strumenti finanziari tailor made è una leva economica in più anche per chi, come noi, opera in un settore commodity che non aveva accesso a linee correlate con gli stock. Certo, è un passo “sperimentale” che verrà perfezionato, ma è un passo avanti compiuto grazie alla collaborazione e trasparenza tra azienda e banca».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.