Intesa cederà a BPER 500 sportelli Ubi Banca

Se L'opa andrà a buon fine una serie di filiali saranno cedute. Quasi certamente anche nella nostra provincia.

(red.) BPER ha sottoscritto con Intesa Sanpaolo un contratto con il quale prevede, in caso di perfezionamento dell’offerta pubblica di scambio volontaria totalitaria promossa dalla stessa Intesa Sanpaolo sul capitale sociale di UBI Banca, di acquisire un ramo d’azienda composto da circa 1,2 milioni di clienti distribuiti su 400/500 filiali bancarie, ubicate in prevalenza nel nord del Paese, e da attività, passività e rapporti giuridici ad essi riferibili. L’operazione sarà supportata da un aumento di capitale in opzione ai propri azionisti stimato in via prudenziale fino ad un massimo di € 1,0 miliardo.

I potenziali benefici dell’operazione:
• rafforzamento della rete distributiva del Gruppo BPER con particolare riferimento alla regione Lombardia con il raggiungimento di una quota di mercato superiore al 6%;
• incremento della base clienti di oltre il 40%;
• miglioramento dell’efficienza operativa grazie all’integrazione di una rete di sportelli senza strutture centrali;
• assenza di vincoli relativi ad accordi distributivi con conseguente pieno sfruttamento delle fabbriche prodotto del Gruppo.

Principali effetti finanziari dell’operazione:
• aumento del portafoglio crediti di circa il 40% e del totale attivo sopra € 100 miliardi;
• ulteriore miglioramento della qualità del credito con un NPE ratio lordo pro-forma stimato, su dati 2019, in riduzione dall’11,1% a circa il 10% e previsto per fine 2020 all’8,2% grazie alle azioni gestionali in corso, ben al di sotto del 9% previsto nel Piano industriale per fine 2021;
• redditività dell’investimento attesa compresa tra il 15-20%;
• conferma della solidità patrimoniale del Gruppo BPER con un CET 1 ratio Fully Phased consolidato pro-forma stimato superiore al 12,5% nel 2020 e sopra al 13% nel 2021.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.