Quantcast

Riscossione tributi, Brescia è “virtuosa”

Secondo Il Sole 24 Ore, la Leonessa si colloca tra i comuni con il livello di “residui attivi” tra i più bassi. Si tratta della somma costituita dalle mancate riscossioni.

(red.) Tecnicamente si chiamano “residui attivi”, ovvero sono le entrate iscritte a bilancio, “accertate”, ma mai arrivate nelle casse dei Comuni. Il decreto di luglio sulla revisione di spesa ha imposto ai Comuni di aprire subito un fondo di garanzia pari almeno al 25% delle entrate da tributi e tariffe vecchie di almeno cinque anni e mai incassate.
I numeri sono imponenti, come mostra l’indagine a tappeto dei consuntivi locali passati in rassegna per Il Sole 24 Ore dalla banca dati Aida PA – Bureau van Dijk.
secondo i dati riportati dal quotidiano economico a Brescia il livello delle mancate riscossioni è, rispetto agli atri comuni italinai, molto basso. La percentuale si attesta infatti al 5,3% e la Leonessa si colloca nella parte della classifica tra le province più “virtuose”, insieme con Ravenna (5.1%), Reggio Emilia (3.3%), Sondrio (2.6%) e Bergamo (2%).
Per quanto concerne il 2010, anni cui si riferisce la rilevazione, alle casse della Loggia mancano “solo” 11.468.186,39 euro, di cui 1.912.654,82 euro di entrate tributarie e 9.555.531,57 euro di extratributarie (multe, occupazione suolo pubblico, ecc.).
Una sommma che confrontata ad esempio con quella di Napoli, rivela il suo “valore”. Nella città partenopea, infatti, la percentuale di mancata riscossione si attesta al 221%, a Roma è del 159,5%,  nella vicina Cremona è il 36,2%, a Verona il 21%.
A Brescia, nel 2009 la mancata riscossione è stata di 10.094.324,36 milioni di euro, pari al 4,6% delle entrate. Un trend che segna dunque un progressivo miglioramento. Nel 2011, invece, la mancata riscossione ammonta a 9.744.566,05 euro: il 3,8% dei residui accertati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.