A2A, controllata Edipower svaluta centrali

La multiutility di Brescia e Milano nel 2011 ha perso 739 mln a seguito del drastico calo della domanda di energia elettrica. Per i 9 impianti rettifica pari a 1,3 miliardi.

Più informazioni su

(red.) La multiutility dei comuni di Brescia e Milano, A2A, mette ordine nel bilancio della controllata Edipower, di cui ha rilevato la maggioranza (oggi ne detiene il 56%) nel riassetto di Edison.
I nove impianti della ex genco Enel (sei termoelettrici e tre idroelettrici) sono stati infatti sottoposti a impairment test e, alla luce del peggioramento del contesto economico che ha determinato un drastico calo della domanda di energia elettrica, hanno subito svalutazioni pari a 1,31 miliardi di euro.
Ciò, a fine 2011, secondo quanto risulta a Radiocor, ha determinato una perdita di esercizio per 739 milioni, visto che Edipower ha comunque goduto di effetti fiscali positivi (legati alle svalutazioni stesse) per oltre 400 milioni. Al di là del risultato netto, i ricavi della societàsono saliti del 9% a 1,13 miliardi di euro (anche grazie allo stanziamento di 115 milioni per il reintegro dei costi sostenuti per la centrale di San Filippo del Mela) e il margine operativo lordo ha segnato +14% a 472 milioni.
La svalutazione degli asset, sostanzialmente coerente con la perizia svolta da Maurizio Dallocchio in sede di acquisizione di Edipower (quando fu valutata 1,45 miliardi al netto dei debiti), produrrà anche un effetto positivo: diminuirà in misura importante il peso degli ammortamenti, che già nel 2011, per quanto riguarda le immobilizzazioni materiali, si sono ridotti di 37 milioni, passando da 305 a 268 milioni.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.