Quantcast

Edipower: “A breve chiusura dell’operazione”

Con la cessione alle utility italiane che fanno capo a Delmi, tra cui A2A, Iren e Sel. Lo ha assicurato L'amministratore delegato di Edison Bruno Lescoeur.

(red.) L’amministratore delegato di Edison Bruno Lescoeur è ”fiducioso che si possa chiudere l’operazione Edipower”, con la cessione alle utility italiane che fanno capo a Delmi (tra cui A2a, la multiutility dei comuni di Brescia e Milano, Iren e Sel).
E’ quanto ha affermato nel corso di una presentazione agli analisti finanziari spiegando che ”il board ha lavorato nell’interesse della societa”’ e ora gli azionisti ”stanno lavorando per analizzare le conseguenze delle decisioni prese dal consiglio”.
In caso poi la cessione non si faccia, secondo il direttore finanziario Massimiliano Masi, Edison ”non necessariamente ha bisogno di liquidità”. Il manager ha ricordato come ”c’è una prima scadenza (di un bond, ndr) a dicembre 2012, e noi non abbiamo problemi di liquidità perchè la struttura finanziaria di Edison è solida”. Anche Masi si è poi detto ”ottimista” circa la cessione di Edipower.
”Nel caso in cui non fosse finalizzata la cessione di Edipower”,  ha successivamente precisato Masi, “Edison ha valutato diverse opzioni, tra cui un aumento di capitale, per soddisfare i suoi fabbisogni finanziari e per far fronte alle scadenze del debito di dicembre e aprile 2013”.
Allo scorso 31 marzo l’indebitamento finanziario netto di Edison era di 4 miliardi di euro e con la cessione di Edipower il miglioramento previsto è di 1,1 miliardi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.