Quantcast

Brescia, crolla il mercato delle case all’asta

La frenata della vendita all'incanto degli immobili è pari al 84,5% rispetto all'ultimo semestre del 2020.

Più informazioni su

(red.) Crolla il numero delle case all’asta in Italia che negli ultimi sei mesi è diminuito del 24,44%.

Stando al Rapporto semestrale sulle aste immobiliari del Centro studi Sogeea, presentato in Senato, le procedure in corso sono infatti 11.444, a fronte delle 15.146 rilevate all’inizio di gennaio 2021.
Riguardo la distribuzione geografica, quasi un terzo degli immobili residenziali in vendita (3.438) si concentra nel nord del Paese; seguono il Centro con 3.313, il Sud con 2.519 e le Isole con 2.174.

Dal Rapporto emerge anche che sta crescendo il numero delle strutture turistico ricettive andate all’asta in Italia con un incremento del 13,3%.
E non solo. All’incanto vanno anche ospedali, teatri, e conventi.

Nella rilevazione del secondo semestre emerge infatti che sono stati messi all’asta 13 ospedali e tre teatri, ma il record spetta agli edifici destinati ad ospitare attività  caritative: sono ben 20 conventi messi all’asta, cresciuti del 18% rispetto alla rilevazione precedente.

Entrando nel dettaglio del Rapporto, poco meno di un settimo delle case oggetto dello studio, pari a 1.715 unità, è localizzato nel Lazio, regione che precede la Sicilia (1.476); più staccati Piemonte (1.232), Campania (1.206), Toscana (945), Lombardia (771) e Veneto (731). Sotto il migliaio di case all’asta anche Sardegna (698) e Marche (586). Soltanto un immobile residenziale all’incanto in Valle d’Aosta.

Brescia è quarta In Lombardia con 45 immobili all’asta contro i 292 del secondo semestre 2020 ( -84,5%). Prima in classifica Bergamo, con 413 immobili in vendita, Varese al secondo posto con 104 e medaglia di bronzo a Mantova (96).

Dal Rapporto emerge inoltre che il 69% delle case in vendita ha un prezzo inferiore ai 100mila euro, percentuale che sale addirittura fino all’88% se si considerano anche gli immobili appartenenti alla fascia tra 100.000 e 200.000 euro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.