Quantcast

Zambelli (Lega): “Cancellare la discriminazione ai danni dei Periti industriali”

Più informazioni su

(red.) “La categoria dei Periti industriali e dei Periti industriali laureati ha subito una forte discriminazione a seguito dell’errato recepimento nell’ordinamento italiano della Direttiva del Consiglio d’Europa del 5 dicembre 2013, dettante norme di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti”, fa sapere in un comunicato l’europarlamentare del Carroccio Stefania Zambelli. Difatti, secondo il testo attuativo della Direttiva, la categoria dei Periti industriali e dei Periti industriali laureati nella specializzazione in edilizia è stata esclusa da quelle abilitate a svolgere attività di intervento per il risanamento da radon.

“La scorsa settimana ho incontrato virtualmente alcuni rappresentati di questa categoria esclusa dal decreto attuativo”, spiega Zambelli, “ho avuto così modo di accogliere le loro istanze e di conseguenza, insieme ai colleghi Angelo Ciocca, Mara Bizzotto e Gianna Gancia, abbiamo presentato un’interrogazione alla Commissione”.
“Abbiamo richiesto se e che tipo di iniziative si intenda intraprendere a livello europeo al fine di tutelare quei professionisti che, nonostante siano sufficientemente qualificati, vengono esclusi dalla prestazione di un servizio, con tutte le ricadute negative del caso, ed inoltre se si ritenga che, oltre a discriminare una categoria di professionisti, l’esclusione operata dal decreto attuativo comporti anche una distorsione della concorrenza nella prestazione di servizi”, ha concluso Zambelli.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.