Quantcast

New Deals on Air intervista Gian Carlo Blangiardo, presidente dell’Istat

(red.) Supporti economici, nuove normative e cambiamento culturale a sostegno della famiglia. Queste le strategie vincenti per frenare la caduta demografica? New Deals on Air intervista Gian Carlo Blangiardo, Presidente dal 2019 dell’Istituto Nazionale di Statistica, l’ente di ricerca pubblico che si occupa di rilevazioni statistiche in ambito demografico, economico e finanziario.
Vanta una lunga e brillante carriera universitaria che lo porta a diventare, tra l’altro, Direttore del Dipartimento di Statistica presso l’Università degli Studi di Milano “Bicocca”.
La potenza e il significato dei numeri, in ambito sociale ed economico, hanno un’importanza assoluta che investe sia il campo prettamente statistico che quello demografico. Proprio in quest’ultimo ambito, il presidente ISTAT Blangiardo individua e segnala un’area oggi fortemente problematica.
Il 2020 è stato, infatti, un anno che ha sancito primati estremamente negativi. In questa nostra intervista affronta direttamente il problema: “I decessi sono stati 746.000, un valore paragonabile solo agli anni 1942/43 cioè in piena seconda guerra mondiale, i nuovi nati solo 404.000. Il saldo naturale è passato quindi dalle -214.000 unità del 2019 alle -342.000 del 2020.”
Un andamento che, nel 2021, rischia di peggiorare ulteriormente a causa di fattori legati, principalmente, all’attuale emergenza ma anche al crollo dei redditi famigliari, il peggioramento delle condizioni di vita e il dimezzamento dei matrimoni, come pure una mancanza di politiche a sostegno della famiglia e di investimento sulle nuove generazioni.

L’intervista curata da Federico Ghidini, sarà disponibile a partire da martedì 13 aprile sul sito www.newdealsirmione.it e sul canale YouTube dedicato a New Deals on Air.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.