Auchan-Conad, chiesta cig per oltre metà degli addetti

Nota della Margherita Distribuzione (Conad) che può coinvolgere più di 500 addetti in provincia di Brescia.

(red.) La nota arrivata ieri, giovedì 13 febbraio, dalla società Margherita Distribuzione – della Conad – ai sindacati ha il pesante rumore di un tonfo e che mette in agitazione i dipendenti di Auchan. Infatti, nel passaggio dei supermercati interessati proprio da Auchan (anche Sma e Simply) verso Conad la società ha chiesto la cassa integrazione per oltre metà dei lavoratori addetti nel centinaio di punti vendita attivi in Italia. Che in termini di numeri vuol dire 5.323 addetti su un totale di 8.873.

E ovviamente saranno coinvolti anche i bresciani – 892 sono i lavoratori totali – con 535 per i quali viene richiesto l’ammortizzatore sociale. Una nota che ha creato scompiglio tra i sindacati temendo che questa possa essere l’anticipo di una procedura di mobilità. Fa ancora più rumore il fatto che questa comunicazione sia arrivata a poche ore da un altro incontro previsto a Roma proprio sulla vertenza. Tuttavia, da Margherita Distribuzione fanno sapere che la cassa integrazione intende configurarsi come “continuità nel reddito” nel periodo in cui si procederà man mano con la ristrutturazione dei negozi e il cambio delle insegne verso Conad.

Quindi “tempi diversi e per durate differenti, mano a mano che i negozi faranno il passaggio”. Su questo fronte, la nuova catena acquirente aveva già annunciato che sul 2020 non sono previsti licenziamenti, ma uscite su base volontaria. Tuttavia, nell’attesa che anche l’Antitrust prenda una decisione sulla vertenza, da Conad dicono di aver garantito un futuro occupazionale a più di 13 mila addetti e di aver riassorbito oltre 2.500 esuberi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.