Vertenza Auchan-Conad, verso 47 esuberi a Roncadelle

La catena acquirente ha presentato la sua proposta al tavolo con i sindacati. Licenziamenti tra amministrativi.

(red.) C’è preoccupazione nella vicenda del passaggio di diversi supermercati, anche in provincia di Brescia, da Auchan a Conad. Ed è manifestata dagli stessi sindacati Uiltucs, Filcams Cgil e Fisascat Cisl. Lunedì 20 gennaio, infatti, è stata depositata la proposta di Conad per 817 licenziamenti in totale in tutta Italia, di cui 456 solo in Lombardia.

E tra questi si parla di Rozzano dove si trova la sede centrale e anche 47 al punto vendita di Roncadelle e tutti amministrativi. Al momento si parla di esuberi su base volontaria, ma potrebbero essere indotti in futuro. E non solo a Roncadelle, ma anche tra gli impiegati di Chiari.

Il territorio bresciano prevede, tuttora in corso, il passaggio di 18 punti vendita da Auchan a Conad per un totale di 680 addetti. Il processo dovrebbe completarsi entro febbraio, mentre il 7 marzo è atteso il parere dell’Antitrust che aveva aperto una pratica sulla vertenza.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.