Brescia, Cc Freccia Rossa può diventare inglese

Sarebbe stato raggiunto un accordo tra la società milanese e un gruppo anglosassone per ristrutturare il debito e un nuovo piano di restyling.

Più informazioni su

(red.) Il centro commerciale cittadino di Brescia Freccia Rossa potrebbe diventare inglese per un certo periodo. Ne dà notizia il Giornale di Brescia a proposito di un accordo che sarebbe stato raggiunto tra l’attuale società milanese a capo del megastore e il gruppo Resolute Asset Management attivo nel settore immobiliare. Da tempo il centro commerciale si muove in uno stato di crisi, acuita nel corso del 2018 con la chiusura della metà dei negozi di abbigliamento. Per cercare un rilancio, la società Freccia Rossa Shopping Centre aveva depositato al tribunale di Milano una nuova proposta per ristrutturare il debito e quindi chiedere il concordato preventivo.

Anche perché la maggior parte del debito – 80 milioni di euro – è verso quattro banche. Si era tentato un accordo con un’altra società, ma non era stato raggiunto proprio per la forte esposizione debitoria, ma ora si sono fatti avanti gli inglesi. E oltre al rientro dal debito, si parla di un piano industriale con cui rilanciare il complesso commerciale. In pratica la società anglosassone, attraverso un nuovo gruppo, potrebbe acquisire l’intero capitale della Freccia Rossa e poi gestire in toto il centro commerciale per rivendere il proprio pacchetto nell’arco di sei anni.

Quindi, potrebbe esserci un rinnovamento partendo dalle aree comuni come la piazza esterna, gli ingressi, per l’intrattenimento e i bambini e permettere al piazzale esterno di ospitare appuntamenti sportivi, ma anche concerti e mostre. Poi un ampliamento dell’area ristoro e intrattenimento e una riduzione degli spazi sul fronte dei negozi di abbigliamento. Infine, puntare sul brand. L’idea, come riporta ancora il quotidiano bresciano, è di investire quasi 6 milioni di euro in tre anni, fino al 2022, per raddoppiare i ricavi al 2024.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.