Aib, Giuseppe Pasini (Feralpi) verso la presidenza

Il leader gardesano si è aggiudicato la sfida contro Franco Gussalli Beretta. Giovedì si è preso atto della relazione dei saggi. Il 31 maggio le assise.

(red.) L’imprenditore Giuseppe Pasini, leader del gruppo Feralpi di Lonato del Garda, si avvicina alla presidenza dell’Associazione Industriale Bresciana. Giovedì 6 aprile il Consiglio Generale di Aib, formato da 59 componenti, ha preso atto della relazione della commissione di designazione formata dai tre “saggi” Angelo Baronchelli, Francesco Franceschetti e Pierluigi Streparava. Proprio loro erano incaricati di valutare la posizione dei due concorrenti dal punto di vista delle linee programmatiche.

Da un lato, appunto, Giuseppe Pasini e dall’altro Franco Gussalli Beretta, presidente della Fabbrica d’Armi di Gardone Valtrompia. Il primo è già vicepresidente di Aib con delega all’Ambiente, Sicurezza e Responsabilità sociale, mentre il secondo lo è stato ai tempi dell’amministrazione Dallera con incarico per l’Education. I due si sono presentati per succedere a Marco Bonometti, il cui mandato scade a maggio dopo quattro anni. Dalla riunione del Consiglio Generale di giovedì Pasini ha incassato 32 voti a fronte dei 24 conquistati da Beretta.

Quindi, formalmente è stato proposto il leader del gruppo Feralpi alla guida degli industriali bresciani di via Cefalonia. L’assemblea generale sarà il 31 maggio quando dovrebbe avvenire la scelta di nominare presidente Giuseppe Pasini. Il diretto interessato ha detto di voler continuare quanto ha avviato Bonometti, quindi all’insegna dell’unità e per ricompattare il settore. Al contrario, per Beretta la corsa è finita qui. Il leader del gruppo gardonese ha comunque parlato di una buona esperienza, non mancando di lanciare alcune critiche per varie dinamiche finali alla scelta del successore di Bonometti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.