Brescia, contributi per i quasi pensionati

La Camera di Commercio si taglia 255 mila euro di compensi per i consiglieri e apre un bando per le imprese che possono assumere disoccupati "anziani".

(red.) Gli amministratori della Camera di Commercio di Brescia si tagliano 255 mila euro di compensi (previsti per legge) e li destinano alle imprese che assumeranno dipendenti vicini alla pensione. Le aziende, micro e piccole o medie, interessate potranno aderire al bando che sarà pubblicato a settembre sul sito www.bs.camcom.it e aperto a febbraio. In pratica, le imprese vincitrici del concorso potranno incassare dai 2.500 ai 4.500 euro di contributo assumendo in tutto 56 (tempo pieno) o 102 (part-time) addetti e con un massimo di due per azienda.
La condizione è che gli addetti, disoccupati, non abbiano più di cinque anni prima di andare in pensione e svolgano lavori per almeno 24 ore alla settimana. Quello del taglio dei compensi non sarà un atto isolato da parte della Camera di Commercio. L’ente di via Einaudi, infatti, sta sviluppando la riforma del sistema che prevede incarichi gratuiti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.