Quantcast

Brescia, pusher violento arrestato dalla Locale in zona stazione

L'intervento l'altro pomeriggio in via XX Settembre quando gli agenti hanno assistito a un'aggressione.

(red.) L’altro pomeriggio, lunedì 28 giugno, gli agenti della Polizia locale di Brescia sono stati impegnati nell’arresto di un pusher 30enne, originario del Niger, nella zona della stazione ferroviaria. Gli operatori, infatti, sono stati attirati da un episodio di violenza che si stava consumando in via XX Settembre nel momento in cui proprio il 30enne stava alzando le mani verso un tossicodipendente. Si parla di circa 10 euro di marijuana e di un cellulare dato in pegno per saldare il debito il giorno successivo. Ma proprio il giorno dopo, appunto lunedì, sono volati gli schiaffi per la mancata restituzione del telefono.

Le accuse nei confronti del 30enne arrestato sono quelle di spaccio e rapina. Poco prima che scattassero le manette, il cittadino del Niger aveva tentato di fuggire sul monopattino elettrico, ma è stato poi fermato in via Romanino. Addosso aveva 5 grammi e mezzo di cocaina di cui voleva cercare di disfarsi, ma inutilmente. Dopo aver incassato le manette, ha trascorso la notte al comando di via Donegani e ieri mattina, martedì, è comparso davanti al giudice delle indagini preliminari per il rito per direttissima. Si è visto convalidare l’arresto con l’obbligo di dimora a Caino in attesa del processo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.