Carpenedolo, coltiva e spaccia marijuana da casa: in manette

Mercoledì il fermo e i domiciliari per un 37enne. Un cittadino aveva segnalato piante di canapa coltivate.

(red.) Quelle piante di canapa coltivate in uno spazio verde comunale davanti a un appartamento a Carpenedolo, nella bassa bresciana, hanno indotto un residente a segnalare il fatto ai carabinieri. E questi hanno iniziato a seguire i movimenti verso quell’abitazione fino all’altro giorno, mercoledì 30 settembre, quando hanno atteso all’esterno della casa e visto due individui che stavano uscendo con qualcosa in tasca.

Così si è scoperto che in quella casa c’era un 37enne, già arrestato in passato per spaccio di sostanze stupefacenti e che evidentemente non aveva perso il vizio. I militari perquisendo la sua abitazione hanno trovato un frigorifero spento e all’interno 200 grammi di marijuana da spacciare. Anche i clienti del pusher sono stati decisivi nel momento in cui hanno confermato ai carabinieri da chi prendevano la droga. Il pusher e coltivatore dopo l’arresto ha incassato i domiciliari in attesa del processo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.