Brescia, beccato a spacciare cocaina al Carmine: 19° arresto in 18 anni

Un 45enne senza fissa dimora lunedì sera è finito ancora nei guai. Ma per lui solo il divieto di dimora nel bresciano.

(red.) E’ un vero e proprio recordman, anche se in senso negativo, quello che gli agenti del Nucleo di Polizia giudiziaria della Locale di Brescia hanno arrestato l’altra sera, lunedì 21 settembre, nel quartiere Carmine, nel cuore del centro storico cittadino. Si parla di un uomo di 45 anni, marocchino senza fissa dimora, che proprio lunedì sera ha incassato il diciannovesimo arresto nell’arco di diciotto anni, dal 2002. Tra l’altro in questo periodo di tempo, oltre a collezionare manette, è finito anche dietro le sbarre di un carcere ed espulso, ma sempre rimasto nell’ambito bresciano per spacciare sostanze stupefacenti.

Il suo business era la cocaina che muoveva ogni giorno per darla ai propri clienti. Già venerdì scorso 18 settembre era stato beccato in via Capriolo e alcuni giorni dopo, lunedì pomeriggio, in via Rua Sovera prima che in serata scattasse l’arresto. Gli agenti erano venuti a sapere che l’uomo era tornato di nuovo a praticare l’attività di spaccio nascondendo dosi di droga persino tra i muri e in alcuni luoghi non così evidenti, per poi raggiungerli, recuperare la merce e consegnarla ai clienti muovendosi in bicicletta.

L’ultimo colpo, quello di lunedì sera, gli è andato male trovandosi di fronte gli agenti che gli hanno sequestrato le dosi di polvere bianca, circa 400 euro in contanti e per lui anche le manette. L’ultima volta che il pusher era stato arrestato era lo scorso febbraio, finito in carcere. Nell’ennesima azione di pochi giorni fa un cliente ha ammesso di aver contattato ogni giorno lo spacciatore per ricevere la cocaina. Per il 45enne il giudice ieri, martedì 22 settembre, ha disposto la convalida dell’arresto e il divieto di dimora nel bresciano, ma la municipale ha chiesto l’espulsione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.