Quantcast

Pian Camuno, marijuana è un affare di famiglia. Sei arrestati

Nel fine settimana i carabinieri hanno messo le manette a sei componenti. Chili di erba e tre serre sequestrate.

(red.) Lo scorso fine settimana, tra sabato 8 e domenica 9 agosto, i carabinieri bresciani della compagnia di Breno sono stati impegnati in una serie di arresti nell’ambito dello stesso contesto familiare per coltivazioni di marijuana. Tanto da far finire in manette una donna con il suo nuovo compagno, due figli di lei e uno dei loro cugini e zii. E in tutto si è arrivati al sequestro di cinque chili di erba e di tre serre attrezzate.

Il primo a finire in manette è stato il compagno della donna, un operaio di 48 anni, fermato in auto e dove a bordo c’erano oltre due etti di marijuana. La perquisizione si è poi estesa all’abitazione di Pian Camuno dove c’erano la compagna e i due figli di lei. In casa c’era un altro chilo e mezzo di erba portando a finire nei guai anche la figlia 23enne della donna, già arrestata nel 2019 dopo essere stata sorpresa con un chilo di hashish. Nella propria casa a Vissone di Pian Camuno, nel sottotetto, i carabinieri hanno scoperto una delle serre con circa venti piante.

A quel punto i militari hanno raggiunto anche uno zio della 23enne dove c’erano 35 grammi di marijuana in un barattolo e 3.500 euro in contanti, ma soprattutto nel sottotetto altre due serre. Anche nella casa di un altro familiare, un 29enne del paese, c’erano 3 chili di marijuana e 2 mila euro in contanti. Quasi tutti con precedenti, i sei sono stati arrestati e il giudice ha convalidato la misura nei loro confronti, disponendo l’obbligo di firma ogni giorno alla caserma di Artogne.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.