Castel Mella, cocaina in casa e lui è un riferimento: denunciato

Un 36enne, tenuto controllato da tempo, è stato fermato fuori casa. Aveva 30 grammi di polvere bianca in 40 dosi.

(red.) Nelle ore precedenti a venerdì 7 agosto un uomo di 36 anni marocchino e residente a Castel Mella, nell’hinterland bresciano, è stato denunciato a piede libero per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine per traffico di hashish e cocaina, veniva monitorato da tempo attraverso una serie di appostamenti e pedinamenti da parte dei carabinieri della compagnia di Brescia. E quando erano sicuri di fare centro, lo hanno beccato all’esterno della sua abitazione facendosi portare in casa.

Qui c’erano 30 grammi di cocaina già divisi in quaranta dosi pronte per essere spacciate, ma anche materiale da confezione, un cellulare e denaro che il pusher avrebbe incassato dalla sua attività. Lo spacciatore viene ritenuto come un punto di riferimento per alcune zone di vendita della droga e ora si è visto sequestrare tutto il materiale, oltre alla droga presente in una valigia e ancora da dividere. Dal cellulare potrebbero emergere indicazioni sui suoi fornitori e clienti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.