Valcamonica, due morti per overdose. 20 arresti da operazione “Lucignolo”

Gli arresti sono scattati questa mattina. L'inchiesta era partita nel 2018 dopo il decesso di un 48enne a Braone.

(red.) Dalle prime ore di questa mattina, lunedì 29 giugno, i carabinieri del comando provinciale di Brescia stanno eseguendo 20 ordinanze di custodia cautelare verso altrettanti soggetti accusati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Gli arresti, autorizzati dal giudice delle indagini preliminari del tribunale di Brescia, fanno parte dell’operazione “Lucignolo” che i militari della compagnia di Breno stanno mettendo in azione.

Gli arresti sono il risultato di un’inchiesta che era partita nel novembre del 2018 dopo una morte per overdose di un 48enne di Braone. Da qui si è ricostruita l’intera filiera del traffico di stupefacenti destinato alla Valcamonica. Un altro decesso, per lo stesso motivo, era avvenuto il 22 febbraio del 2019 colpendo un soggetto che aveva assunto eroina. Tra gli arrestati dell’operazione in corso c’è anche un pregiudicato che avrebbe fornito l’eroina letale alle due vittime e per poche decine di euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.