Salò e Agnosine, un arresto e una denuncia per spaccio

Una donna marocchina in manette: aveva nascosto la droga nell'intimo. Nei guai è finito anche un 23enne.

(red.) Nelle ore precedenti a sabato 22 febbraio i carabinieri bresciani della compagnia di Salò sono stati impegnati in due operazioni che hanno prodotto, come risultato, un arresto, una denuncia a piede libero e il sequestro di oltre 50 grammi di droga già pronta per essere venduta. Proprio a Salò è finita in manette una donna marocchina di 46 anni e che da tempo veniva monitorata per i sospetti che fosse una pusher.

Nel momento in cui è stata controllata, aveva cercato di nascondere 15 grammi di cocaina nella biancheria intima pensando di non essere perquisita dai militari. Ma tra loro c’era anche una donna che ha proceduto e rinvenendo la sostanza.

La nordafricana, dopo l’arresto, è stata portata al tribunale di Brescia per il rito per direttissima e si è vista disporre l’obbligo di firma per quattro giorni alla settimana in attesa del processo che sarà il 4 marzo. In un altro intervento, i carabinieri della stazione di Sabbio Chiese hanno denunciato un 23enne di Agnosine che in casa aveva 35 grammi di marijuana pronti per essere venduti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.