Brescia, spaccio: sei arresti della Locale al parco Pescheto

L'operazione mercoledì scorso: fermati due senegalesi e quattro nigeriani. Sindaco annuncia un tavolo su sicurezza.

(red.) Quella tra il parco Gallo e Pescheto a Brescia, in città, è da tempo considerata un’area fragile per la presenza di spacciatori, ma anche di bivacchi e risse. Lo sa bene la Polizia Locale che ieri, lunedì 16 dicembre, con il sindaco Emilio Del Bono ha presentato un’operazione condotta mercoledì 11 dicembre proprio sulla zona. Si è arrivati all’arresto di sei persone per spaccio di sostanze stupefacenti e al sequestro di 183 grammi di marijuana.

Gli agenti della municipale, che tengono monitorata quest’area, avevano notato dei movimenti continui e sospetti nella zona verde del Pescheto e così hanno fatto irruzione in via Rodi. C’erano due senegalesi che vendevano 3,5 grammi di marijuana a un italiano fermato e consegnando altra droga anche a quattro nigeriani in cambio di denaro. I due senegalesi erano tornati in via Rodi con due pacchetti di 23 grammi di droga che poi nascondevano sul posto. La Polizia ha trovato tre punti in mezzo alle siepi dove venivano occultate le sostanze e venendo a capo di 20 confezioni, per un totale di 33 grammi, con altri due pacchi per circa 110 grammi.

I quattro nigeriani sono stati arrestati tra il parco e via Corsica e uno di loro aveva in valigia quattro confezioni di marijuana da 400 euro. Quella di ieri è stata anche l’occasione per fornire alcuni numeri sul fenomeno di degrado, parlando di 110 arresti nel corso del 2019 e di cui 90 per spaccio di sostanze stupefacenti, con diciotto fermati solo tra il parco Gallo e Pescheto. Ma anche sanzioni per 71 persone che bivaccavano da aprile a ottobre scorso e venti operazioni antidroga. Il primo cittadino ha raccolto la segnalazione dal Consiglio di quartiere don Bosco annunciando di potenziare i controlli sulla zona e di riunire intorno a un tavolo le realtà interessate il prossimo gennaio per affrontare il tema della sicurezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.