Quantcast

Blitz antidroga, le sostanze dirette a Brescia

Nell'operazione della Gdf di Caserta, hashish e "neve" erano destinate anche ad affiliati della camorra residenti nel Bresciano. 16 le persone in manette.

(red.) Sedici persone ritenute appartenenti a un’associazione a delinquere dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti sul territorio nazionale, guidata da elementi che, secondo gli inquirenti, sono direttamente collegati al clan degli scissionisti di Scampia, sono state arrestate dalla Guardia di Finanza di Caserta. L’organizzazione, operante nell’hinterland partenopeo, ha ramificazioni in Campania, Sicilia e Lombardia e si occupa prevalentemente dello spaccio di cocaina e hashish.
E’ stato accertato che la droga veniva usata per rifornire associati alla banda residenti nell’hinterland partenopeo, a Brescia e a Palermo.
Nel corso dell’operazione “Coca Express” della Guardia di Finanza del comando provinciale di Caserta e della tenenza di Piedimonte Matese sono stati anche sequestrati preventivamente, su tutto il territorio nazionale, beni mobili e immobili per un valore complessivo di diverse centinaia di migliaia di euro.
Una delle persone arrestate è titolare di una concessionaria di auto, usato come vero e proprio punto di ritrovo degli affiliati all’organizzazione di narcotrafficanti.
La banda, guidata da Antonio e Carmine Grasso, e da Giovanni Triola, elementi ritenuti dagli investigatori direttamente collegati al clan napoletano degli scissionisti di Scampia, organizzava la compravendita della sostanza stupefacente, cocaina e hashish, sia in piccole che in grandi quantità, nelle zone di Napoli, Casoria e Casavatore (queste ultime località limitrofe al capoluogo).
I provvedimenti sono stati emessi del gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.