Salò, identificato l’anziano morto in bici sulla Gardesana

Francesco Trapin, 72 anni, martedì dopo un malore aveva invaso la corsia opposta all'arrivo di un camion.

(red.) Si chiamava Francesco Trapin, di 72 anni, la vittima dell’incidente stradale mortale di martedì pomeriggio 26 maggio sulla Gardesana a Salò, nel bresciano. L’anziano, che da qualche mese si era trasferito con la moglie a Gargnano dove abita anche la figlia, stava tornando a casa dopo una passeggiata in bicicletta. Ma, forse colpito da un malore, in sella alla due ruote aveva invaso la corsia di marcia opposta nel momento in cui dall’altro senso stava arrivando un camion.

E il ciclista era caduto restando inerme sull’asfalto accanto al mezzo pesante. L’uomo non aveva con sé i documenti e per questo motivo sono state impiegate diverse ore prima di poterlo identificare. Le generalità sono state accertate nel corso della giornata di ieri, mercoledì. Francesco Trapin, pensionato nato a Mezzocorona, in provincia di Trento, era appassionato della storia locale e musicista in una banda tirolese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.