Quantcast

Coronavirus, morti barbiere, imprenditore e una commessa

Un parrucchiere lavorava da 67 anni alla Mandolossa. Deceduta anche una dipendente dell'Auchan di Concesio.

(red.) Quella di ieri, mercoledì 8 aprile, è stata un’altra giornata drammatica nel bresciano nella registrazione dei nuovi casi di contagio da coronavirus e, purtroppo, anche dei deceduti. Guardando all’hinterland, spicca il paese di Botticino che conta 80 contagi (sette in più in un giorno) e 18 decessi. E tra quelli scomparsi c’è il noto falegname Luciano Apostoli di 77 anni. Situazione preoccupante anche a Chiari dove si segnalano quattro decessi in più in un giorno e per un totale di 17, stesso numero di Borgo San Giacomo che ha contato tre nuovi deceduti nelle ultime 24 ore.

Nel resto della provincia, tra gli altri volti noti che hanno perso la vita c’è Angelo Festa, riconosciuto barbiere morto a 86 anni e di cui 67 trascorsi al lavoro nel suo negozio al ponte della Mandolossa. Lutto anche per la catena di supermercati Auchan per la morte di una dipendente a soli 52 anni.

Da oltre trenta lavorava al punto vendita di Concesio ed è morta nella notte tra lunedì 6 e martedì 7 aprile. Per questo motivo ieri, mercoledì, gli addetti e i clienti hanno aderito a un minuto di raccoglimento e silenzio. Infine, è purtroppo mancato anche l’imprenditore Bortolo Bonomi, deceduto ieri, mercoledì 8 aprile, a 64 anni. Era titolare della Tecnopex operativa a Passirano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.