Coronavirus, 23 malati e 5 deceduti alla coop Nikolajewka

Nella struttura è stata ricavata una zona rossa per isolare i contagiati. 18 membri del personale con sintomi.

(red.) Nello scenario delle case di riposo e altre strutture presenti in provincia di Brescia in questi tempi di emergenza da coronavirus, emerge anche il caso della cooperativa sociale Nikolajewka a Mompiano, alle porte di Brescia città. Tanto che all’interno dell’edificio, come fanno sapere dalla direzione, ci sono 23 ospiti che lamentano febbre e mal di gola e quindi sono stati isolati in una sorta di area “rossa”. Si tratta, appunto, di soggetti che hanno sintomi, ma che per le iniziali regole della Regione Lombardia non sono mai stati sottoposti al tampone.

A questi bisogna però aggiungere anche cinque deceduti, di cui tre ospiti della struttura residenziale e due del centro diurno. Senza dimenticare che il personale è ridotto all’osso, visto che diciotto operatori con sintomi sono isolati ai loro domicili e monitorati dai medici.

Dallo scorso 24 febbraio tutte le attività sarebbero state sospese per gli ospiti esterni, così come le visite dei parenti, ma è probabile che il virus sia entrato nella struttura nel momento in cui un addetto del personale, forse asintomatico, lo avrebbe trasmesso ad altri e agli ospiti. Con le nuove regole messe in campo a livello regionale, tutti i 23 isolati nella zona “rossa” della struttura saranno controllati per verificare chi sia positivo al Covid-19.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.