Coronavirus, oltre 8 mila positivi e 1.230 morti nel bresciano

335 casi e 57 deceduti in più rispetto al giorno precedente. Ma la curva di tendenza si sta stabilizzando.

(red.) Sono 8.013 i pazienti risultati positivi al Covid-19 e 1.230 i deceduti in provincia di Brescia. I numeri sono aggiornati all’ultimo bollettino di ieri, domenica 29 marzo, presentato dall’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera e tenendo conto dei dati forniti dall’Ats di Brescia e quelli della Montagna (per la Valcamonica). Solo nella giornata di ieri, domenica, si sono registrati 57 decessi, in calo di qualche unità rispetto ai giorni precedenti, ma comunque ancora troppi. Sul fronte dei contagiati – 8.013 – come è noto, la sensazione è che siano forse dieci volte maggiori con quelli non confermati semplicemente perché non vengono eseguiti i tamponi.

I nuovi casi di contagio ieri sono stati 335, in flessione rispetto ai giorni precedenti e a fronte di una curva che sembra si stia stabilizzando. Senza dimenticare anche, per fortuna, gli oltre 3 mila dimessi e guariti. A livello territoriale, Brescia città conta 1.234 casi positivi e 197 deceduti, mentre Orzinuovi presenta 179 casi e 41 morti. E si registra all’ospedale di Montichiari anche un ragazzo di 12 anni positivo al virus, ma che sta guarendo. Un’altra notizia positiva riguarda la pressione sui pronto soccorso degli ospedali che si sta allentando, ma gli esperti fanno sapere che nei prossimi dieci giorni i casi positivi, seppur con una tendenza minore, continueranno ad aumentare. E anche i decessi, purtroppo, sono previsti nell’arco delle prossime settimane.

Nella giornata odierna, lunedì 30 marzo, come ha annunciato l’assessore Gallera, la giunta lombarda approverà strutture e alberghi, compresi quelli individuati in provincia di Brescia, dove far trascorrere l’isolamento domiciliare a chi non può farlo in casa perché a contatto con altri familiari.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.