Dramma a Manerbio, trova il figlio di 23 anni morto nel letto

Matteo Cò ieri mattina sarebbe dovuto andare a lezione all'università. La madre lo ha trovato senza vita.

(red.) A Manerbio, nella bassa bresciana, si è consumato un dramma. Un ragazzo di soli 23 anni, Matteo Cò, è stato trovato senza vita nel suo letto da parte della madre che cercava di svegliarlo. E’ successo ieri mattina, martedì 17 dicembre, nel momento in cui il giovane sarebbe dovuto andare a lezione all’università degli Studi di Brescia, dove era iscritto alla Facoltà di Medicina.

Era sempre puntuale, ma quando la madre non lo ha visto arrivare in cucina per la colazione, lo ha raggiunto in camera e si trovata di fronte al figlio ormai senza vita. Allertati i soccorsi, questi non hanno potuto fare altro che accertare la morte, la cui causa resta un mistero.

Per questo motivo il medico curante ha deciso di far disporre un’autopsia. Il giovane lascia la madre Rita e il padre Federico, oltre alla sorella Simona. L’amministrazione e la comunità parrocchiale si è stretta intorno alla famiglia colpita dalla disgrazia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.